Comune di Fondi

Il portale ufficiale del Comune di Fondi

Contratto di Fiume e di Lago: ieri il primo incontro


Primo passo verso la sottoscrizione del Contratto di Fiume e di Lago ieri pomeriggio presso la Sala Consiliare del Comune di Fondi. Il protocollo, una volta approvato, sarà un prezioso strumento di programmazione per la rigenerazione ambientale, la corretta gestione delle risorse idriche del territorio e, in generale, la valorizzazione dei territori fluviali e lacuali.

Ampio ed eterogeneo il gruppo degli interlocutori che hanno avuto la possibilità di confrontarsi tra loro e con la dottoressa Cristina Avenali, responsabile del nuovo ufficio di scopo per Piccoli Comuni e Contratti di Fiume della Regione Lazio. A fare gli onori di casa e a portare i saluti del sindaco di Fondi Beniamino Maschietto, è stato l’assessore all’Ambiente Fabrizio Macaro. La sottoscrizione del Contratto prevede un iter piuttosto lungo ma c’è la piena volontà da parte degli interlocutori di proseguire a ritmo spedito. Tale strumento è infatti molto prezioso, non solo per la programmazione e una migliore gestione delle risorse idriche del territorio, ma anche per accedere a finanziamenti sovracomunali o partecipare a bandi. Hanno partecipato al tavolo, apportando importanti e interessanti spunti e contributi, l’assessore alle Energie rinnovabili del Comune di Monte San Biagio Luana Colabello, il dirigente del Parco Naturale Regionale Monti Aurunci Giuseppe Marzano, il direttore del Parco Naturale Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi Lucio De Filippis e il funzionario del Consorzio di Bonifica Paolo Giardino. Preziosa la presenza del Gruppo Scout Agesci Fondi 2 e delle associazioni Legambiente (circolo intercomunale “Luigi Di Biasio”), Fare Verde Fondi e Plastic Free, convinte sostenitrici e promotrici del Contratto di Fiume. Naturalmente è ancora possibile estendere la platea degli enti e delle realtà interessate a fornire il proprio prezioso contributo per la tutela e lo sviluppo sostenibile delle risorse idriche della Piana. Il prossimo passo nel fitto cronoprogramma sarà la sottoscrizione del manifesto di intenti.