Comune di Fondi

Il portale ufficiale del Comune di Fondi

Il resoconto del Consiglio comunale del 29 dicembre 2020


Si è tenuta ieri mattina presso la sala “Luigi Einaudi” della Casa Comunale una nuova seduta del Consiglio.

I lavori si sono aperti con un pensiero che il presidente della Pubblica Assise Giulio Mastrobattista ha voluto rivolgere, a nome di tutto il Consiglio, agli anziani rimasti soli in casa durante le festività natalizie, ai commercianti, fortemente penalizzati dalle restrizioni anticovid, e agli operatori ecologici per l'egregio lavoro di pulizia e raccolta dei rifiuti.

La seduta è stata trasmessa in diretta streaming e radiofonica ed è integralmente visibile sulla pagina Facebook e sul sito del Comune di Fondi.

Dodici, in totale, i punti all'ordine del giorno.





Rinnovata la convenzione per la gestione dei servizi sociali

Progetti in cantiere e attività svolte


Con 16 voti favorevoli, 4 contrari e 2 astenuti è stata approvata la convenzione per la gestione associata dei servizi sociali del Distretto Socio Sanitario.


«La convenzione – ha spiegato il presidente della commissione Servizi Sociali Daniela De Bonis (min 19:30) - è stata approvata da tutti i sindaci del distretto socio sanitario (Fondi, Terracina, Monte San Biagio, Campodimele, Lenola, Sperlonga e San Felice Circeo) nella seduta del comitato istituzionale dello scorso 26 novembre 2020 e deve successivamente essere approvata dai Consigli dei comuni facenti parte del distretto. La convenzione riporta quelli che sono gli obiettivi, le finalità e gli organi di indirizzo e di programmazione del distretto. Il Consiglio oggi è chiamato a votare il rinnovo della convenzione per la durata di un anno».


Il primo intervento è stato quello del consigliere Luigi Vocella (22:00) che ha lamentato scarsa comunicazione, in commissione e in Consiglio, circa gli obiettivi della convenzione nonché incapacità da parte dell'amministrazione di utilizzare i fondi destinati al settore (circa 3 milioni di euro).

A queste dichiarazioni ha subito dopo fatto seguito la replica del sindaco Beniamino Maschietto (min 32:00) che ha invece ringraziato i funzionari del settore servizi sociali per l'ottimo lavoro svolto nonostante la carenza di organico ribadendo come, sul sito ufficiale del Comune di Fondi, siano presenti tutte le risposte ai quesiti del consigliere Vocella.


«In questi anni – ha aggiunto il primo cittadino – abbiamo lavorato tantissimo sulla disabilità, sulle dipendenze e sull'inclusione sociale. Se siamo stati vicino a tantissime famiglie e a molti minori, è proprio grazie a questo programma che è molto ricco ed è, naturalmente, visionabile per intero online. I fondi che sono rimasti non sono andati perduti ma saranno utilizzati per due progetti, uno sull'Alzheimer e un altro, denominato “Dopo di noi”, sulla disabilità».

Il presidente di commissione Daniela De Bonis ha aggiunto che i fondi residui, 3 milioni su un totale di 10, saranno investiti in progetti di concreta vicinanza alle fasce fragili, come già accaduto nel corso di quest'ultimo anno, segnato dalle difficoltà della pandemia e dalla crisi.


Al termine dell'acceso dibattito, durante il quale sono interventi Arcangelo Peppe (40:15), Francesco Ciccone (46:00), Beniamino Maschietto (50:40), Franco Cardinale (53:10), Salvatore Venditti (1:02:00), Arcangelo Peppe (1:17:14), Luigi Vocella (1:16:00) e Vincenzo Mattei (1:20:30), il punto è stato approvato con i soli voti della maggioranza.


Approvato il regolamento “Affidamento familiare distrettuale”


Ad introdurre il punto nuovamente il presidente della commissione servizi sociali Daniela De Bonis che ha fatto una panoramica sulla nuova e più ampia visione normativa dell'affido familiare.

«Partendo dalle linee di indirizzo della Regione Lazio – ha spiegato – il comitato dei sindaci del distretto socio sanitario, nell'ambito della seduta istituzionale del 15 dicembre, ha approvato questo regolamento che ora viene posto all'attenzione del Consiglio».


Il regolamento è stato approvato con i voti di tutta la maggioranza e di tre consiglieri di minoranza (Lippa, Vocella e Cardinale). Francesco Ciccone e Salvatore Venditti si sono invece astenuti. 


Acqualatina, Mof e Consorzio Industriale: le partecipazioni del Comune di Fondi restano invariate


Come relazionato dal presidente della commissione Bilancio Elisa Carnevale (1:32:06), le amministrazioni hanno l'obbligo di effettuare annualmente, con un proprio provvedimento, un'analisi dell'assetto complessivo delle partecipazioni. Il Comune di Fondi ha quindi stilato un apposito documento tecnico che, dovrà essere inviato al Mef e alla Corte dei Conti entro il 31/12.


Il consigliere Carnevale ha quindi riepilogato le partecipazioni possedute dal Comune di Fondi al 31/12/2019:


  • Acqualatina
  • Mof Spa e Imof Spa (attualmente fuse nella società Mof Spca con efficacia dal 24 giugno del 2020 ma nel 2019 ancora autonome)
  • Consorzio Industriale del Sud Pontino

«Abbiamo deciso – ha spiegato il presidente della commissione Bilancio Elisa Carnevale – di non mettere in atto nessun piano di razionalizzazione e di mantenere inalterate le precedenti partecipazioni per diverse ragioni. Mentre Acqualatina e il Consorzio offrono dei beni e dei servizi necessari alla collettività, il Mof rappresenta il principale motore dell'economia locale. La nostra proposta è quindi quella di lasciare invariata la partecipazione del Comune di Fondi nella società di gestione del mercato che, attualmente, è del 3,9%».

Anche in questo caso il dibattito è stato particolarmente accesso.


Dopo l'intervento del consigliere Salvatore Venditti (1:36:00), che ha ribadito come la partecipazione del Comune di Fondi nel Consorzio industriale sia troppo onerosa mentre la partecipazione nel Mof sia troppo bassa, l'excursus del consigliere Franco Cardinale (1:37:00) sull'attuale situazione del mercato ortofrutticolo, la replica a quest'ultimo del consigliere Mariano Di Vito (1:40:00), le riflessioni del consigliere Luigi Parisella sulla reale utilità della partecipazione del Comune di Fondi nella Mof Spca (1:41:20), le precisazioni dell'assessore Vincenzo Carnevale (2:04:00) che ha chiarito come in effetti il vice presidente dell'Ente non riceva uno stipendio ma soltanto un gettone di presenza, il quadro riassuntivo del consigliere Daniela De Bonis (2.12:00), l'appello del consigliere Vincenzo Mattei (2:16:00) che ha richiamato al civico confronto e alla pacatezza dei toni e le dichiarazioni di voto di Venditti, Parisella, Cardinale, Vocella, Di Vito e Daniela De Bonis, il punto è stato approvato con 15 voti favorevoli e 5 contrari.


Concluse le votazioni del quarto punto all'ordine del giorno, il presidente della pubblica Assise Giulio Mastrobattista ha chiesto di trasmettere al prefetto la verbalizzazione integrale del dibattito «a causa delle gravi minacce proferite, in fase di discussione, dal consigliere Luigi Parisella e delle affermazioni proferite che rappresentano una violazione dell'integrità morale di tutti i consiglieri».


Coc e maltempo: riconoscimento di legittimità della spesa per attività di protezione civile


I lavori del Consiglio sono proseguiti con il riconoscimento di legittimità delle spese per le attività di protezione civile. Ad esporre il punto è stata, in qualità di presidente della Commissione Bilancio, Elisa Carnevale che ha spiegato come l'amministrazione abbia speso un totale di 4.201,42 euro per opere di pulizia dei fossati laterali e messa in sicurezza dei suddetti a seguito dell'ondata di maltempo che ha interessato la città durante la prima settimana di dicembre 2020

Il punto è stato approvato con 17 voti favorevoli, 2 contrari e 1 astenuto.


Camper, motorhome e caravan: individuate e regolamentate le aree da adibire alla sosta temporanea


Il sesto punto all'ordine del giorno ha chiamato la Pubblica Assise a individuare e regolamentare le aree da destinare alla sosta temporanea dei camper.

Come illustrato dall'assessore all'Urbanistica Claudio Spagnardi sono state individuate un totale di 20 piazzole, utilizzabili per un tempo massimo di 72 ore.

Hanno fatto seguito gli interventi del consigliere Luigi Parisella (2:51:00), che ha chiesto un impegno maggiore sul fronte turistico da parte dell'amministrazione «responsabile di portare avanti soltanto politiche spot», e del consigliere Vincenzo Mattei (2:29:00) che ha invece sottolineato l'importanza di una gestione ordinata e trasparente dei numerosi camper che sostano lungo la fascia costiera. L'assessore al Turismo Vincenzo Carnevale ha arricchito il dibattito fornendo al Consiglio qualche dato sulle opportunità offerte dai camperisti: un settore che, interessando 8,7milioni di persone in tutta Italia, è tutt'altro che secondario.

«Pochi sanno che regioni come l'Emilia Romagna, una delle più sviluppate dal punto di vista turistico – ha ricordato Carnevale alla Pubblica Assise – hanno visto crescere il settore, con un incremento dell'80%, soltanto grazie a camper e mezzi alternativi di turismo mobile. Quella in oggetto – ha concluso - è comunque solo una piccola parte dello sviluppo turistico che stiamo progettando e mettendo in atto».

Dopo gli interventi di Giulio Cesare di Manno (3:07:44), Franco Cardinale (3.10:00), Luigi Vocella (3:14:50) e Arcangelo Peppe (3:17:14), l'assessore Spagnardi ha fornito ulteriori spiegazioni sulla materia.


«La convenzione che i privati sottoscriveranno con il Comune – ha chiarito – sarà relativa alla tariffa di sosta, fissa e concordata con l'Ente. I costi che i gestori pagheranno al Comune saranno invece quelli di costruzione delle piazzole ma si tratta di interventi minimali, come recinzioni e aree verdi, con l'obbligo di ripristinare lo stato dei luoghi al termine dell'attività trattandosi di interventi reversibili».

Il punto, alla fine, è stato approvato con 14 voti favorevoli della maggioranza e l'astensione della minoranza.


Il settimo punto all'ordine del giorno (P.P.E. – Zona LI  -Attività industriali. Proposta di variante non sostanziale ai sensi dell’ art. 1 della Legge regioale 02 luglio 1987, n. 36 recante  “Norme in materia di attività urbanistico – edilizia e snellimento delle procedure”) a seguito dell'emendamento proposto dal consigliere Salvatore Venditti e su proposta dell'assessore Claudio Spagnardi, come deciso dal Consiglio all'unanimità, è stato rinviato.


Lottizzazioni abusive: così il Consiglio trasforma un danno in una risorsa

I proventi saranno reimpiegati nella valorizzazione del patrimonio comunale


Ad esporre l'ottavo punto all'ordine del giorno ancora una volta l'assessore all'Urbanistica Claudio Spagnardi.

Al vaglio della Pubblica Assise in particolare l'alienazione di cinque terreni, tutti a destinazione agricola, di cui uno appartenente al patrimonio comunale e altri quattro, novità assoluta nella storia della città, derivanti dall'acquisizione di lottizzazioni abusive.

«I piccoli fabbricati presenti su questi terreni – ha spiegato Spagnardi – saranno demoliti con spese a carico dei proprietari. Il consiglio notarile di Latina, tramite un accordo, ci aiuterà con l'espletamento delle procedure di pubblico incanto. Le somme recuperate con le cessioni, per un totale di circa 182mila euro, saranno investite nella valorizzazione del nostro patrimonio comunale».

Spagnardi ha inoltre fornito dettagli circa il prezzo di vendita e l'ubicazione dei terreni in questione che si trovano nelle seguenti località:


  • Salto di Fondi (59mila euro)
  • via Acquachiara (19.475 euro)
  • Pedemontano (24.600 euro)
  • via dello Storno (39.500 euro)
  • Sant'Anastasia (49.000 euro)


«Con questa procedura – ha aggiunto il consigliere Vincenzo Mattei – riusciamo a fare cassa, ossia a toglierci qualcosa che non utilizziamo investendo i proventi a beneficio della collettività per opere pubbliche».

La politica adottata è stata giudicata positivamente dal consigliere Salvatore Venditti che ha espresso parere favorevole (3:40:00) mentre il consigliere Luigi Parisella ha chiesto di poter visionare, in anticipo, l'elenco dei beni che il Comune ha intenzione di alienare invitando l'amministrazione a valutare anche altre lottizzazioni abusive.

A seguito delle ulteriori spiegazioni dell'assessore Claudio Spagnardi (3:48:00), il punto è stato approvato con 17 voti favorevoli e 5 astenuti.


Piano di utilizzazione aziendale: approvate all'unanimità le richieste delle aziende Grossi e Vaccaro


L'assessore all'Urbanistica Claudio Spagnardi ha successivamente illustrato alla Pubblica Assise le richieste avanzate dalle aziende agricole Vaccaro e Grossi.

«Prima di passare in Consiglio e in commissione consiliare – ha precisato – i Piani di utilizzazione aziendale vengono trattati, sviscerati, approfonditi e verbalizzati dalla commissione Pua, un organo del quale fanno parte un agronomo, un agrotecnico e l'architetto nonché dirigente del settore Bonaventura Pianese».

Nel primo caso la richiesta vagliata ha riguardato la possibilità di realizzare un locale tecnologico con annessi servizi igienici, nel secondo caso si è trattato di autorizzare la sostituzione di serre in legno con equivalenti in ferro nonché di concedere la realizzazione di due strutture annesse adibite alla lavorazione di prodotti agricoli e deposito di imballaggi.

Entrambi i punti sono stati approvati all'unanimità.


«Complimenti ai soggetti attuatori – ha concluso il presidente del Consiglio Giulio Mastrobattista – ci auguriamo che grazie a questo strumento messo a disposizione dalla Pubblica Assise possano lavorare meglio e di più».


I lavori sono proseguiti con l'undicesimo punto all'ordine del giorno. La Pubblica Assise è stata chiamata ad approvare un progetto di variante necessario per la realizzazione di un deposito giudiziario.

Per questa procedura è stato utilizzato lo Sportello Unico delle Attività Produttive e, su richiesta del privato, è stata convocata una conferenza dei servizi. La richiesta del privato è del giugno 2019. Dopo l'acquisizione dei vari pareri, l'iter è finalmente arrivato a compimento con la presa d'atto del provvedimento da parte del Consiglio.

Dopo l'intervento del consigliere Luigi Vocella (4:17:30) che ha motivato l'astensione del suo gruppo consiliare, il punto è stato approvato con 16 voti favorevoli.


Interpellanze e interrogazioni


La seduta del Consiglio comunale si è conclusa con una serie di interpellanze e interrogazioni.


Strisce blu e auto elettriche: incongruenze tra quanto approvato in una delibera di giunta ed effettiva attuazione da parte della società affidataria. Interpellanza orale presentata dal consigliere Salvatore Venditti (4:22:20).


Stato di consistenza e manutenzione del ponte di via Colle Traiano. Interpellanza presentata dal consigliere Stefano Enea Guido Marcucci (4.30:00).


Stato di degrado in cui versano gli uffici del Giudice di Pace di Fondi. Interpellanza presentata dal consigliere Luigi Vocella (4.37:08).


Deleghe preannunciate e non rese pubbliche. Interpellanza del consigliere Salvatore Venditti.


A tal proposito il sindaco ha spiegato di aver tardato nell'assegnazione delle deleghe a causa dell'emergenza epidemiologica che lo hanno impegnato a lungo e su più fronti.


Multe al semaforo di via Stazione/via Appia lato Itri. Interpellanza del consigliere Franco Cardinale (4:44:00).


I lavori del Consiglio si sono conclusi con un ringraziamento da parte del primo cittadino al Prefetto, al Questore e a tutte le forze dell'ordine e con un appello da parte dello stesso alla cittadinanza affinché recepisca l'importanza della vaccinazione.

Maschietto ha inoltre voluto dedicare il Concerto di Capodanno, che si terrà in diretta social venerdì 1 gennaio 2021 sulle pagine del Comune di Fondi, a tutte le vittime del Covid-19 e a coloro che, a causa della pandemia, hanno particolarmente sofferto.