Comune di Fondi

Il portale ufficiale del Comune di Fondi

La cerimonia di scopertura della targa in memoria delle vittime del Covid-19


Lascia che la pace della natura entri in te come i raggi del sole penetrano le fronde degli alberi


Con questa frase incisa su una targa commemorativa e una breve ma toccante cerimonia, la Città di Fondi ha ricordato tutte le vittime del Covid-19 dedicando loro un gruppo di cipressi all'esterno del cimitero comunale.

Sono oltre 30 i cittadini di Fondi che hanno perso la vita a causa del virus. I presenti, su invito di Don Francesco Fiorillo, hanno affidato i nomi dei propri cari al cielo e ai 12 alberi, simbolo di eternità e immortalità.

«Sussurrare questi nomi al vento – ha detto il parroco infondendo forza e coraggio ai presenti – vuole essere un gesto d'amore, un gesto che vuol dire tu ci sei, io ci sono, non saremo mai più soli».


«Questa iniziativa – ha detto il sindaco di Fondi Beniamino Maschietto – è l'espressione della giunta, del Consiglio ma, soprattutto, dell'intera comunità che ha voluto essere sensibile nei confronti di una comunità altrettanto numerosa che ha sofferto e sta ancora soffrendo. Abbiamo affidato i cari estinti a questi alberi che, protendendosi verso il cielo, terranno viva la memoria di chi ha contribuito a far crescere la nostra comunità e oggi ci guarda dall'alto».


A chiudere la cerimonia le note della canzone di Simone Cristicchi "Lo chiederemo agli alberi” in tema con il duplice intento della giornata: la commemorazione delle vittime del Covid-19 e l'attenzione al verde.



Per approfondire

Al via la riforestazione urbana 


Un boschetto di cipressi in memoria delle vittime del Covid-19